L’abbigliamento antipioggia da lavoro

abbigliamento da lavoro antipioggia

L’abbigliamento da lavoro deve essere sempre realizzato con materiali di qualità idonei. Il suo scopo è quello di proteggere chi lo indossa, nel caso dei lavoratori all’aperto, è fondamentale che sia anche impermeabile.

L’abbigliamento antipioggia da lavoro comprende una serie di indumenti impermeabili, pensati per svariate categorie professionali che possono necessitarne.

Un completo antipioggia da lavoro può essere composto da giacca, pantaloni da lavoro, calzature, divisa e salopette impermeabili.

Tutti i capi impermeabili possono essere semplici o realizzati con materiali ad alta visibilità, ideali per lavora nelle squadre di soccorso, nei cantieri, nei pompieri e altre professioni che richiedono massima attenzione.

L’abbigliamento da lavoro per pioggia deve rispettare diversi requisiti contemporaneamente in base a delle norme specifiche. Questo vuol dire che potremmo avere degli indumenti impermeabili, ad alta visibilità e ignifughi, oppure, impermeabili e in grado di proteggere da sostanze chimiche ed elettricità.

Normativa abbigliamento da lavoro impermeabile

L’abbigliamento impermeabile deve rispettare specifiche caratteristiche inserite in delle normative. La norma EH 343 cita i requisiti minimi dell’abbigliamento antipioggia da lavoro.

Sugli indumenti troviamo un simbolo che raffigura una sorta di scudo con ombrello e accanto sono presenti due numeri da 1 a 3. I valori sono due, perché si tiene in considerazione l’impermeabilità e la traspirabilità.

Infatti, i capi impermeabili devono sì impedire all’acqua di entrare, ma anche far uscire il vapore dal corpo.

Impermeabilità e traspirabilità si dividono in 3 categorie, quella maggiore offre prestazioni elevate. Se, vicino al simbolo ci sono le cifre 2 -3 vuol dire che il prodotto è in classe 2 su 3 per resistenza all’acqua ed offre il massimo della traspirabilità.

Resistenza all’acqua, come si stabiliscono i valori?

Per verificare il livello di resistenza all’acqua di un capo di abbigliamento, questo viene sottoposto al test con colonne d’acqua.

Si prende un campione di tessuto e si applica un cilindro di vetro di 10 cm di diametro riempito d’acqua fino a quando il tessuto non lascia passare il liquido. Poi, si contano le colonne, quindi i millimetri d’acqua, che il tessuto sopporta prima di cedere. Più sono le colonne d’acqua e maggiore è la capacità di resistenza.

Tutto l’abbigliamento tecnico deve riportare la sigla WP (Water Proof) e il numero di millimetri d’acqua massimo che riesce a sostenere. La traspirabilità è misurata in MVP, che indica la quantità di grammi d’acqua sotto forma di vapore che passa in un metro quadro di superficie in 24 ore.

La sigla MVP 14000 g/m²/24hrs su una giacca da lavoro vuol dire che in 24 ore, 14000 grammi d’acqua riescono ad uscire da ogni metro di tessuto quadrato sotto forma di vapore.

Inoltre, tutti i capi d’abbigliamento omologati per la EN 343 devono assicurare resistenza alla trazione e alla lacerazione, assicurando resistenza e durevolezza.

Perché è importante utilizzare l’abbigliamento impermeabile antipioggia?

L’abbigliamento da lavoro antipioggia è fondamentale per la salute del nostro organismo.

Se è vero che bagnandosi una volta mentre si lavora non comporta alcun rischio imminente sulla vita, farlo tutti i giorni può provocare dei danni, anche importanti.

Gli indumenti impermeabili da lavoro antipioggia non solo proteggono dalle intemperie, evitando la fastidiosa sensazione di bagnato ma, evitano che la salute ne risenta in modo significativo.

Il nostro corpo tende a mantenere un certo equilibrio termico, i vestiti bagnati sono più freddi e il corpo è costretto a cedere calore. Questo scambio termico prolungato non solo porta a una forte sensazione di freddo ma, anche a squilibri nella regolazione della temperatura corporea.

Il tutto si tramuta in un danno per la salute, esponendo maggiormente il lavoratore a malanni quali febbre, raffreddore, mal di gola.

Inoltre, la traspirabilità dei tessuti impermeabili evita che si crei condensa di vapore acqueo prodotto dal corpo all’interno dell’abbigliamento. Questa condizione, indossando capi non idonei, può provocare infiammazioni e dermatiti importanti.

Per lavorare in sicurezza e in modo sano è quindi fondamentale indossare l’abbigliamento antipioggia idoneo alla mansione che si svolge.

Ps: A chi potrebbe essere utile questo articolo?

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Main Menu